giovedì 21 febbraio 2013

Dove e come raccogliere le osservazioni di UAP?

Cominciamo col dire che, malgrado oggi il panorama sia desolante, non sempre gli appassionati di "ufologia" sono stati - e talora non sono tuttora - fonti inattendibili. Fra di loro ci sono e soprattutto ci sono state (in specie fra gli anni '60 e gli anni '80 del secolo scorso) persone di forte orientamento scientifico, mosse unicamente da grande curiosità, da scrupolo e da rigore nel valutare le osservazioni di cui venivano a conoscenza.
 
Per questo, la pubblicistica ufologica, sia pure in modo estremamente diseguale, a volte si rivela fonte di sorprese e contiene relazioni pensate in modo da risultare utili ad una valutazione obiettiva dei dettagli descrittivi.
 
Ma questo è solo - per così dire - uno "sfondo" su cui si situa la documentazione disponibile.
 
In realtà, il punto principale sul quale attiro l'attenzione è il fatto che le collezioni delle riviste astronomiche e soprattuto astrofile costituiscono una vera e propria miniera di notizie. Ciò vale di sicuro per il passato (alcuni esempi: la storica testata francese Comptes Rendus Hébdomadaires des séances de l'Academie des sciences e la belga Ciel et Terre ) ma anche per periodi via via più recenti (la pubblicazione della testata dell'Osservatorio astronomico di Bologna, "Coelum", uscita dal 1932, della rivista della Société Astronomique de France, L'Astronomie, o dell'americana Sky & Telescope ) rivelano un gran numero di comunicazioni di osservazioni di fenomeni insoliti ad opera di astrofili e pure di qualche professionista.
 
Le verifiche hanno appena sfiorato questo vastissimo universo bibliografico, oggi sempre più a portata di mano per via telematica e grazie alla progressiva digitalizzazione delle collezioni. E' però necessario che tutti coloro che sono interessati a documentare meglio anche sul piano storico vastità e tipologie delle osservazioni sfoglino le proprie biblioteche personali o le raccolte di associazioni astrofile, di osservatori e quelle delle biblioteche pubbliche, perché le sorprese continuano.
 
Un fondo digitale ancora soltanto in piccola parte esplorato è costituito dalla biblioteca digitale di astronomia, astrofisica e fisica creata in modo congiunto dallo Smithsonian Astrophysical Observatory e dalla NASA (più propriamente "SAO/NASA Astrophysics Data System") e che contiene già almeno dieci milioni di riferimenti bibliografici a queste materie.
 
Il numero di testate da verificare è molto alto. Chi volesse contribuire allo spoglio a beneficio del Progetto Clear Skies può contattarmi via email (giuseppe.stilo@libero.it) per avere indicazioni precise per trarre soddisfazioni da questo impiego di tempo. 
 
Dagli anni '80 del secolo scorso, invece, in Italia si sono rivelate dei buoni canali di circolazione di queste notizie le rubriche di corrispondenza dei lettori di riviste quali Coelum Astronomia, di Le Stelle e di Nuovo Orione, ma anche di testate scomparse quali "L'Astronomia", ecc.
 
Oggi, poi, gli astrofili discutono di immagini riprese e di osservazioni ottiche che presentano difficoltà di spiegazione in forum telematici ed in newsgroups di astronomia, naturalmente su un piano tecnico e senza che mai ciò possa dare adito a letture non supportate in maniera rigorosa dall'evidenza.
 
Tutto indica che se la discussione è condotta in un ambito ritenuto attendibile dai vari interlocutori, astronomi ed astrofili non hanno particolari difficoltà a descrivere osservazioni di possibili UAP. Quello che pare contare è che le osservazioni non siano mai accostate a presunti "UFO", a categorie ad essi assimilabili o a sostenitori delle visite aliene alla Terra.
 
Nel cercare di costruire i dati dall'evidenza testimoniale, è inevitabile che persone come me si trovino per prima cosa davanti al problema di non essere assimilato in alcun modo a sostenitori di credenze antiscientifiche di vario genere.
 
Un modo rapido ma potenzialmente assai efficiente per raccogliere oggi in specie le osservazioni ottiche sarà da me offerto nei prossimi giorni in un altro post.
 
 

 




 

Nessun commento:

Posta un commento